Area Riservata
METEO Laigueglia

Il Santuario dei Cetacei

Il Santuario dei cetacei è un triangolo di mare che comprende tre nazioni: Italia, Francia e Principato di Monaco. Nel 1999 è stata dichiarata area marina protetta con l’obiettivo di tutelare una superficie di circa 96.000 chilometri quadrati che coinvolge 124 comuni francesi, 87 comuni italiani e uno del Principato di Monaco.
Queste acque, tra Tolone, Capo Falcone (Sardegna) e Fosso Chiarone in Toscana, mostrano la più alta concentrazione di cetacei tra tutti i mari italiani e rappresentano una delle aree più ricche del Mediterraneo per quanto riguarda la fauna marina.
In territorio italiano, il santuario dei cetacei tra Liguria, Sardegna e Toscana, fu istituito già nel 1991 come area marina protetta di interesse internazionale.
La massiccia concentrazione di mammiferi marini è dovuta soprattutto alla ricchezza di cibo, una particolare corrente marina porta in superficie il plancton e i krill (crostacei che formano lo zooplancton), di cui sono molto ghiotti i cetacei. Sono otto le specie che trovano in queste acque il loro habitat ideale: la balenottera comune, il capodoglio, il delfino comune, il tursiope, la stenella striata, il globicefalo, il grampo e lo zifio.
Questo è un’ecosistema prezioso che occorre mantenere inalterato, da qui l’impegno, per la prima volta in Europa, di tre nazioni mediterranee per unire le forze e creare un’area protetta.
Oggi, oltre alla cura e alla salvaguardia di questo paradiso marino, una delle attività principali è il whale watching (osservazione dei mammiferi marini). Si tratta di escursioni in battello per avvicinarsi al mondo dei grandi mammiferi marini, rigoroso il codice di comportamento da seguire per salvaguardare l’habitat e preservare la tranquillità dei cetacei.

Facebook